Vorrei acquistare un piano cottura ad induzione ma ho sempre usato piani a gas, che vantaggi potrei avere?

Un’estrema rapidità di riscaldamento, una perfetta regolazione della temperatura, una superiore sicurezza perché il piano rimane freddo al tatto anche durante l’uso e una grande facilità di pulizia.

E’ consigliato anche per chi non sa cucinare bene?

È la soluzione ideale sia per i principianti che per gli Chef amatoriali. L’utilizzo di un piano ad induzione è assolutamente intuitivo, sia per quanto riguarda i comandi touch che per la regolazione della temperatura.

Posso regolare la temperatura in modo preciso?

La regolazione è estremamente precisa con potenza modulabile fino a 14 livelli. Questo consente un’estrema flessibilità di utilizzo, dalle temperature più basse – indicate per scaldare o cuocere delicatamente, a quelle più elevate – per bollire o friggere.

E’ vero che la cottura lenta sostituisce la cottura a bagnomaria?

Si, per sciogliere il cioccolato o preparare una crema, è sufficiente cuocere lentamente selezionando un basso livello di potenza.

Se il piano si sporca mentre cucino come faccio a continuare la cottura?

Se hai selezionato un livello di potenza troppo alto ed i liquidi di cottura sono fuoriusciti, basta spostare la pentola ed il piano si spegne automaticamente. A questo punto, è sufficiente passare una spugna senza paura di bruciarsi, perché la temperatura non è a rischio scottatura.

Sono abituata a regolare la potenza del gas con una manopola. I comandi Touch sono difficili da usare?

No, sono facili, intuitivi e molto precisi. Consentono di accendere e spegnere il piano, alzare e abbassare la temperatura istantaneamente, con il semplice tocco di un dito, come se stessi utilizzando il tuo smart phone.

Il riscaldamento è più rapido di un piano cottura a gas?

Si, perché il calore viene generato direttamente a contatto con la pentola senza dispersioni di energia. Il confronto con un piano a gas è sorprendente.

È vero che con l’induzione si può preparare la pasta in pochi minuti?

La tecnologia ad induzione è la più efficiente e riduce i tempi di cottura di oltre il 30% rispetto a un piano a gas, specie per le cotture che richiedono una potenza elevata, come ad esempio per bollire un litro d’acqua sono sufficienti poco più di 3 minuti! Se, invece, si ha particolarmente fretta, basta selezionare la funzione Booster – potenza aggiuntiva, e ottenere ottimi risultati di cottura in soli 2 minuti!

Se ho selezionato un livello di potenza troppo elevato devo attendere che la piastra si raffreddi prima di impostare la temperatura corretta?

No, questo succede con le piastre in vetroceramica elettrico che accumulano il calore su tutta la superficie del piano. Con l’induzione la regolazione è istantanea.

Posso programmare la durata di cottura e lo spegnimento automatico di una zona cottura?

Si, grazie al programmatore di fine cottura, è possibile impostare la durata di funzionamento della zona cottura, che si spegnerà esattamente al termine del tempo desiderato.

Servono pentole particolari?

Tutte le pentole con un fondo ferroso sono adatte per l'induzione; se è necessario acquistare pentole nuove è sufficiente verificare che abbiano il simbolo della serpentina che indica la compatibilità con l'induzione.

Acquista un piano ad induzione tra quelli in promozione: il set di pentole te lo regala Electrolux.

Scopri di più

Come faccio a capire se le mie vecchie pentole sono utilizzabili?

Fai la prova della calamita: se si attacca al fondo della pentola puoi incominciare subito a cucinare con il piano ad induzione.

Quali sono i metalli adatti all'induzione?

Il fondo della pentola deve essere in ghisa, acciaio, acciaio smaltato e acciaio inox. Per i fondi multistrato verificare le indicazioni del produttore. Non sono invece adatti alluminio, rame, ottone, vetro, ceramica e porcellana.

Posso utilizzare pentole di diametro inferiore o superiore rispetto alla zona di cottura?

Le pentole devono avere un diametro non inferiore ai 12 cm perché l'efficienza è legata alla corrispondenza tra zona cottura e dimensione del fondo. Se è troppo piccolo o troppo grande riceverà solo una parte della potenza con prestazioni e rendimento inferiori.

Perché su alcuni piani non vedo la dimensione della zona cottura?

Perché non è più necessario scegliere le pentole in base alla dimensione della zona cottura. I piani ad induzione Infinite di Electrolux consentono di appoggiare le pentole, indipendentemente dalla dimensione, direttamente sul segno a forma di croce che indica il cuore della zona cottura.

Potrò ancora fare il caffè con la moka?

Sì, in commercio ci sono caffettiere con fondo in acciaio inox adatte ai piani induzione. Suggeriamo la scelta di una moka con diametro non inferiore ai 12 cm.

E' possibile utilizzare la pesciera o pentole rettangolari?

Si, per queste dimensioni speciali puoi scegliere i modelli dotati della funzione Bridge che consente di posizionarle su 2 zone di cottura.

Electrolux ha sviluppato anche una collezione di pentole per i suoi piani?

Si, scopri su ricambi.electrolux.it le pentole e gli accessori della Collezione Infinite Chef. Abbinano un design raffinato ispirato agli strumenti utilizzati dagli Chef professionisti, a materiali di eccellenza, per consentirti di ottenere il meglio dalla tecnologia ad induzione.

Non vedere la fiamma mi spaventa: è sicuro?

La sicurezza è totale perché la zona cottura si attiva e scalda solo quando è a contatto con la pentola e la superficie del piano, intorno alla zona utilizzata, resta fredda. Non ci sono, inoltre, rischi di accensioni accidentali e perdite di gas.

Come funziona un campo elettromagnetico?

I piani cottura ad induzione sono dotati di speciali bobine che generano un campo elettromagnetico quando una pentola di materiale ferroso viene appoggiata sulla zona cottura. La reazione che si verifica trasforma l'energia del campo magnetico in calore.

Come può restare freddo il piano mentre cucino?

Il campo magnetico generato dalle bobine si origina solo a contatto con il fondo della pentola, riscaldandola senza dispersioni, per maggior efficienza nei consumi e sicurezza d'uso.

E se lo dimentico acceso?

Impossibile, perché le zone di cottura si attivano solo se a contatto con il fondo della pentola. Ciò evita il rischio di accensioni accidentali o di dimenticare una fiamma accesa. Ad ogni modo, senza variazione di livello di potenza durante l'uso, il piano si spegne automaticamente dopo un determinato periodo di tempo (da 1,5 a 6 ore in base al livello di potenza impostato).

È vero che sono i più sicuri per chi ha bambini piccoli?

Sono la soluzione migliore perché non si surriscaldano e sono dotati di dispositivi come la sicurezza bambini, che consente di bloccare il funzionamento del piano, e le spie di calore residuo, che informano fino a quando la zona cottura è calda dopo il termine della cottura.

Serve l'apertura di ventilazione in cucina?

No, perché Il piano ad induzione è alimentato elettricamente e non presenta rischi di fughe di gas o asfissia per residui di combustione, come accade per i tradizionali piani a gas.

Cosa vuol dire massima efficienza?

Le zone cottura si attivano solo a contatto con la pentola e la superficie del piano resta fredda, perché il calore si genera solo sul fondo e viene trasmesso immediatamente al cibo in cottura, senza dispersioni, riducendo consumi, tempi di riscaldamento e di cottura.

Perché non è diffuso in Italia?

Nei modelli di prima generazione l’assorbimento energetico era elevato, superiore ai normali contratti italiani di 3 kW. Oggi è sempre più popolare perché la gamma Electrolux offre modelli con assorbimento massimo di soli 3 kW o con la possibilità di regolazione flessibile.

Assorbimento e consumi sono la stessa cosa?

No, l’assorbimento è l’energia utilizzata in un preciso momento, mentre i consumi sono relativi all’intero ciclo di cottura e, con un piano ad induzione, più bassi rispetto ad un piano tradizionale, perché si riducono al minimo gli sprechi.

Cosa significa assorbimento flessibile?

La gamma offre, accanto ai piani con assorbimento massimo di 3 kW, modelli con assorbimento regolabile – Flexible Power Management da 1,5 a 7,2 kW. La regolazione è facile e può essere modificata nel tempo, se cambiano le necessità.

Cosa accade se mentre cucino tolgo la pentola e dimentico di spegnere il piano?

Il funzionamento viene automaticamente interrotto, perché la zona cottura si attiva solo a contatto con il fondo della pentola. Per riprendere la cottura è sufficiente riposizionare la pentola sul fuoco di interesse. Se non accade, dopo un tempo prefissato, si attiva la funzione di spegnimento automatico temporizzato.

Induzione e gas a confronto

I piani ad induzione sono i più efficienti dal punto di vista energetico, perché trasformano in calore il 90% dell’energia consumata, rispetto al 55% di un piano a gas. Il calore si genera direttamente sul fondo della pentola, senza dispersioni, e la tecnologia ad induzione consente di avere tempi di cottura più rapidi. E, anche se l’elettricità costa più del gas, l’impatto in bolletta è minimo.

Vetroceramica elettrico e ad induzione a confronto

I piani cottura ad induzione sono dotati di speciali bobine che generano un campo magnetico quando una pentola di materiale ferroso viene appoggiata sulla zona cottura. La reazione che si verifica trasforma l’energia del campo magnetico in calore, che scalda direttamente il fondo della pentola senza dispersioni lasciando freddo il resto del piano. Nei tradizionali piani elettrici in vetroceramica, invece, il calore viene generato dalle resistenze posizionate sotto la superficie del piano, scaldando la vetroceramica che trasmette poi calore alla pentola con elevati sprechi di energia, surriscaldamento del piano e senza la rapidità di riscaldamento distintiva dell’induzione.

E’ facile da pulire?

Il piano cottura rimane freddo e, se un liquido fuoriesce, non si brucia o cristallizza e si pulisce con un panno umido. E con estrema facilità perché il piano è perfettamente liscio.

Cosa faccio se si sporca mentre cucino?

Se liquidi o ingredienti in cottura fuoriescono durante la cottura è sufficiente spostare la pentola e passare uno straccio umido sulla superficie per continuare a cucinare su un piano perfettamente pulito.

Devo aspettare che il piano si raffreddi prima di pulirlo?

La temperatura del piano, anche durante l’utilizzo, consente di procedere immediatamente alla pulizia senza rischio di scottature.

Una superficie nera, lucida e brillante si rovina con l’uso?

La superfice in vetro rimane di un nero intenso e brillante perché è realizzato in vetroceramica, un materiale resistente, igienico e di facile manutenzione.

Quali prodotti devo utilizzare per pulire un piano cottura ad induzione?

Per una brillantezza estrema ed una pulizia sicura e delicata, è preferibile usare prodotti specifici per i piani in cristallo, come VitroCare di Electrolux che elimina i residui di cibo senza graffiare la superficie e lascia una pellicola protettiva che semplifica la pulizia e manutenzione.

Scopri gli accessori ed i prodotti dedicati alla cura e alla manutenzione dei piani ad induzione Electrolux.

Scopri di più

E ci sono incrostazioni di sporco?

Potrebbe essere necessario un apposito raschietto, per eliminare i residui di cibo e le macchie più ostinate in modo facile, senza correre il rischio di graffiare la superficie del piano cottura. Lo trovi in vendita nel nostro negozio online ricambi.electrolux.it, presso i principali punti vendita e i centri di assistenza tecnica autorizzati.

Vorrei sostituire il mio piano a gas, ma come incassarlo? Serve l'idraulico?

Anzitutto ti consigliamo di verificare la dimensione del foro in cui è incassato il tuo piano attuale. Se compatibile con le misure del nuovo piano ad induzione, non dovrai apportare nessuna modifica. Ti consigliamo comunque di rivolgerti ad un'elettricista per procedere con il corretto allacciamento del piano. Se non compatibile, in base al materiale della base della cucina, rivolgiti al marmista e/o falegname di fiducia affinché apporti le modifiche necessarie per agevolarne l'installazione.

Quale collegamento elettrico è necessario?

I nostri piani cottura ad induzione possono essere alimentati con corrente monofase a 230 V, oppure con corrente bifase a 400 V. Lo schema elettrico per eseguire il collegamento è presente sotto il piano cottura e/o sui manuali d'uso in dotazione.

Sei molto attento al tuo impatto ambientale e vuoi una casa in classi A e A+?

Scegliere un piano ad induzione consente di raggiungere più facilmente le classi energetiche A e A+ di certificazione degli edifici non solo per l'efficienza energetica in fase d'uso, ma anche perché non serve l'apertura di ventilazione, obbligatoria per le apparecchiature a gas.

Il presente sito Web utilizza cookie. Se si continua a usare il sito senza modificare le impostazioni relative ai cookie, si accetta automaticamente l'uso degli stessi. Per saperne di più, leggere le linee guida sui cookie.